Diritto

Recesso per l’agente di commercio se si violano lealtà e buona fede

di Barbara Grasselli e Angelo Zambelli

Link utili

Tratto da Top24 e Smart24

Nell’esecuzione dell’incarico l’agente deve tutelare gli interessi del preponente e agire con lealtà e buona fede.

Sulla base di tali obblighi, contenuti nell’articolo 1746 del Codice civile, con la sentenza n. 6915/2021 la Corte di cassazione ha ritenuto legittimo il recesso dal contratto di agenzia per giusta causa esercitato dalla società preponente nei confronti del proprio agente che, in costanza di rapporto, aveva contattato altri collaboratori del preponente nel tentativo di indurli a intraprendere...