Esperto RispondeAdempimenti

Cedolare al 10%, il «visto» dell’associazione può essere successivo al contratto

di Luigi Lovecchio

La domanda

Per quanto riguarda la cedolare secca del 10%, il chiarimento circa l’obbligatorietà del visto delle associazioni proprietari/inquilini sull’osservanza degli accordi territoriali richiamati in contratto, vale anche per i canoni corrisposti nel 2017 o per i canoni del 2018 e seguenti?
In assenza di tale visto, in sede di dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2017, si dovrà applicare la cedolare secca nella misura del 21% per evitare eventuali contestazioni da parte delle Entrate? Se si propende per l’applicazione del 21%, sarebbe opportuno fare il ravvedimento operoso sul minore acconto versato in novembre?
M.G. - Matera

La previsione del visto di asseverazione dei contratti di locazione a canone concordato da parte delle associazioni di categoria dei proprietari e degli inquilini è contenuta nel Dm 16 gennaio 2017 che ha riformato la disciplina dei contratti in esame. Ne consegue che la regola in oggetto troverà applicazione solo con riferimento ai contratti stipulati dopo l’entrata in vigore del medesimo Dm. Si è inoltre dell’avviso che il visto possa anche essere apposto successivamente alla sottoscrizione del...