Adempimenti

L’impatto della svista determina l’iter per la sua rettifica

di Giorgio Gavelli e Fabio Giommoni

Ai fini dell’imposizione diretta, per correggere gli errori contabili (rilevanti e non rilevanti) occorre, in ogni caso, presentare una dichiarazione integrativa: è questo il pensiero dell’agenzia delle Entrate più volte espresso in passato e che dovrebbe risultare ancora attuale. Con la circolare 31/E/2013 è stato chiarito che i componenti di reddito rilevati a seguito di errori di competenza non possono assumere rilievo nell’esercizio in cui avviene la correzione. Ciò vale sia per la deduzione ...