Controlli e liti

L’integrazione tardiva non blocca il ricorso

di Laura Ambrosi

La tardività della dichiarazione integrativa non pregiudica l’eventuale correzione dell’errore: il giudice, infatti, deve valutare la fondatezza della pretesa, a prescindere dai termini e dalle modalità di presentazione della dichiarazione rettificativa, basandosi sui documenti prodotti in giudizio. A fornire questo importante chiarimento è la Corte di cassazione con la sentenza 9849 depositata ieri....

Una società impugnava una cartella di pagamento derivante da un controllo automatizzato, eccependo...