Adempimenti

Lettere d’intento, test sugli importi

di Matteo Balzanelli e Massimo Sirri

La soppressione della possibilità di riferire la dichiarazione d’intento degli esportatori abituali agli acquisti da eseguire entro un determinato periodo di tempo, opzione non più ammessa per le operazioni dal 1° marzo 2017, ha raggiunto un primo (sicuro) obiettivo: quello di lasciare, almeno in parte, il peso dei controlli in capo ai fornitori. Con le vecchie dichiarazioni “a tempo”, infatti, il cedente o prestatore doveva preoccuparsi solamente di effettuare l’operazione nel periodo segnalato...