Controlli e liti

Movimentazioni bancarie, valide le dichiarazioni di terzi

di Laura Ambrosi

In tema di indagini bancarie, anche la dichiarazione resa da un terzo sull’estraneità del proprio conto all’attività di impresa del contribuente verificato può formare la prova contraria richiesta dalla norma per superare la presunzione legale. A precisarlo è la Corte di cassazione con l’ordinanza 23523 depositata ieri.

Una contribuente impugnava degli avvisi di accertamento fondati su indagini bancarie di conti correnti propri e del suo convivente. Tra i diversi motivi di ricorso, entrambi dichiaravano...