Adempimenti

Validità dei Durc, la (nuova) proroga del Dl Rilancio non è stata ancora recepita dall’Inps

di Giulio Andreani e Angelo Tubelli

La legge 77/20 di conversione ha abrogato la norma del decreto 34/20 che aveva modificato la norma del “cura Italia” escludendo i Durc con scadenza successiva al 15 aprile dalla proroga della validità concessa fino al 29 ottobre 2020. Ora la norma è tornata quella originale e anche i Durc in scadenza dal 31 gennaio al 31 luglio 2020, come gli altri documenti, possono restare validi fino al 29 ottobre. Ma l’Inps ritarda a prenderne atto.

La proroga della validità dei Durc – (ri)modificata con la conversione del Dl Rilancio – non è stata ancora recepita dall’Inps. E ciò sta creando notevoli difficoltà alle imprese che hanno necessità di incassare crediti verso gli enti pubblici: difficoltà che proprio la nuova norma si propone di evitare.

La modifica annullata
L’articolo 103, comma 2, del Dl “cura Italia” 18/20 aveva stabilito la proroga della validità di tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti ...