Diritto

Il professionista non può invocare il codice del consumo

di Alessandra Caputo

Link utili

Tratto da Plusplus24 e Smart24
Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

Per i contratti conclusi in qualità di professionista, titolare di partita Iva, non si può invocare il codice del consumo giacché questo è prerogativa dei soli «consumatori», intendendo per tali le persone fisiche che agiscono per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta. Questo, in sintesi, il principio affermato dalla Cassazione con l’ordinanza 11639/2022.

La vicenda

Il caso era il seguente: a causa di numerosi disservizi, un avvocato aveva ...