I temi di NT+Modulo 24

Principio di interpretazione n. 4 / Accertamento e riscossione

Principio di interpretazione n. 4/Accertamento e riscossione

L’ambito di operatività dell’atto di recupero

LA MASSIMA

Le disposizioni della recente legge di Bilancio 2022 (articolo 1, commi da 31 a 36, legge 234/2021) confermano la piena rilevanza accertativa degli atti di recupero dei crediti d’imposta. Nonostante ciò, si nutrono una serie di dubbi circa l’applicabilità a quest’ultimi di taluni istituti deflattivi del contenzioso tributario.

In particolare, le perplessità si pongono in relazione all’accertamento con adesione e alla misura definitoria delle penalità a un terzo stabilita dall’articolo 17, comma 2, del Dlgs 472/1997. Con riferimento al primo istituto, si rileva che non risulta opportuna – allo stato dell'arte – la presentazione dell’istanza di adesione, una volta notificato l’atto di recupero in argomento, considerata l’inoperatività di qualsivoglia effetto – con riferimento al citato atto – della medesima istanza.

Il Principio è stato elaborato dal comitato scientifico di Modulo 24 Accertamento e riscossione: Massimo Basilavecchia, Alessandro Borgoglio, Andrea Carinci, Marco Cramarossa, Lorenzo del Federico, Dario Deotto (direzione scientifica), Luigi Lovecchio, Lorenzo Pegorin, Gian Paolo Ranocchi.

Hanno collaborato nel Comitato di redazione di Modulo 24 Accertamento e riscossione: Antonella Lucarelli, Elisa Manoni, Barbara Marini, Giacomo Monti, Emanuele Mugnaini.

Leggi la versione integrale del Principio di interpetazione n. 4