L'esperto rispondeImposte

L’ecobonus per l’impresa che demolisce e ricostruisce è compatibile con il sismabonus dell’acquirente

di Marco Zandonà

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

La domanda

Una Srl di costruzioni ha acquistato in zona sismica 3 un edificio composto da 12 unità immobiliari, di cui sei riscaldate. Intende presentare un progetto consistente nella completa demolizione e ricostruzione dei fabbricati esistenti, con modifica di sagoma e aumento di volumi, a norma dell’articolo 3 del Dpr 380/2001, comma 1, lettere c) e d), ottenendo un edificio condominiale di 16 unità immobiliari. Questo edificio sarà realizzato con misure antisismiche con due classi di rischio inferiori e con impianti per l’efficientamento energetico, miglioramento di due classi energetiche, il tutto asseverato dal tecnico. Si chiede un parere, in merito alla risposta dell’agenzia delle Entrate, n. 814/2021. In particolare si chiede se i crediti di imposta per sismabonus ed ecobonus, articolo 14, Dl 63/2013, spettanti all’impresa di costruzione sono cumulabili con i crediti spettanti agli acquirenti delle unità abitative in relazione al sismabonus acquisti (articolo 16, comma 1-septies, decreto legge 63/2013), ecobonus acquisti (articolo 16-bis, comma 3, Testo unico delle imposte sui redditi, Dpr 917/1986) e bonus acquisto box?
L. L. – Foggia

La risposta è affermativa. L’ecobonus in favore di un’impresa di costruzioni, che demolisce e ricostruisce un fabbricato con miglioramento energetico ed antisismico, è compatibile con il sismabonus acquisti per gli acquirenti delle nuove unità ristrutturate, a condizione che le spese relative all’intervento di efficienza energetica siano identificabili e separabili da quelle relative al miglioramento antisismico dell’edificio. Lo chiarisce l’agenzia delle Entrate nella risposta 70 del 2 febbraio ...