Professione

Dopo la protesta in arrivo la vigilanza sugli effetti della norma sul contribuente

di Ivan Cimmarusti

La levata di scudi dei professionisti contro la «non impugnabilità dell’estratto di ruolo» è stata, in questi giorni, compatta. L’emendamento, in effetti – inserito nel decreto fisco-lavoro (Dl 146/2021), votato al Senato e ora alla Camera dove non sarà più modificato – vieta l’impugnazione di cartelle e ruoli attraverso l’estratto di ruolo, con l’obiettivo di limitare i ricorsi «pretestuosi», come segnalato dall’agenzia delle Entrate-Riscossione.

Ma i professionisti vedono soprattutto l’altra faccia...