Controlli e liti

Fatture inesistenti con provenienza «terza» provata dall’Ufficio

di Enrico Holzmiller

Per la Ctp Milano si sarebbe dovuto provare sia pure per indizi la connivenza con i fornitori

L’ufficio, nell’ambito delle contestazioni su fatture soggettivamente inesistenti, è tenuto a provare, anche per presunzioni, che le forniture provengano da soggetti terzi, rispetto ai fornitori ufficiali. Così la sentenza 2976/21 della Ctp Milano (presidente e relatore Ortolani) sul caso di una contestazione basata sull’asserita esistenza di cartiere a valle della catena distributiva (rispetto al contribuente accertato).

Quanto agli elementi di sospetto diretti ed indiretti da circoscrivere, nel ...