Finanza

Attività di convalida blockchain tassata come reddito di capitale

di Alessandro Galimberti

Link utili

Tratto da Top24 e Smart24

L’Agenzia con un lungo interpello scioglie il nodo dell’imposta sullo staking: la società che offre l’infrastruttura informatica opera da sostituto

La remunerazione per lo svolgimento di attività di staking - la “validazione diffusa” nell’ambito dei processi blockchain - è da considerare «reddito di capitale» (articolo 44 del Tuir) e come tale deve essere tassata alla fonte dal sostituto d’imposta (26%). La collaborazione allo staking non origina invece un «reddito diverso» da «attività di lavoro autonomo non esercitata abitualmente» (articolo 67 del Testo unico delle imposte sui redditi).

Con un chilometrico interpello (n° 956-771/2022) la Direzione...