Controlli e liti

Bancarotta senza «ne bis in idem»: punito l’illecito fallimentare e il reato fiscale

di Antonio Iorio

La bancarotta documentale può concorrere con il delitto di occultamento o distruzione di documenti contabili e pertanto se l’imputato è già stato processato per il reato fallimentare non può invocare il ne bis in idem sostanziale per il procedimento relativo al delitto tributario. A confermare questo principio è la Corte di cassazione, sezione III penale, con la sentenza n. 18927 depositata ieri....

Un imprenditore era condannato, in secondo grado per il reato di occultamento o distruzione di scritture...