L'esperto rispondeImposte

Bonus edilizi, con il credito in eccedenza si possono versare anche gli acconti Ires e Irap

di Rosanna Acierno

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

La domanda

Si ipotizzi la società X che riceve dai propri clienti (con cessione o sconto in fattura) diversi crediti fiscali derivanti da lavori edilizi detraibili al 50% (bonus casa). Tali crediti sono compensabili in F24 in capo al cessionario sempre nelle 10 rate con cui sarebbero stati detraibili in capo al cedente e non è possibile il riporto all’anno successivo della eccedenza non compensata. Qualora il cessionario provveda a compensare nel modello F24 tali crediti anche con acconti Ires/Irap per l’anno in corso; in caso di eccedenza di versamenti in acconto si maturerebbe credito Ires/Irap a saldo, liberamente riportabile e addirittura rimborsabile. Questa modalità di compensazione nel modello F24 è legittima per tali crediti ricevuti?
F. A. – Alessandria

Il credito di imposta generato dallo sconto in fattura per i bonus edilizi (articolo 121 del decreto legge 34/2020, convertito in legge 77/2020), oltre a poter essere ceduto a terzi, compreso banche e intermediari finanziari, può essere utilizzato in compensazione nel modello F24, in base alle rate residue di detrazione non fruite. In questo caso, il credito d’imposta può essere utilizzato anche per compensare imposte diverse da Irpef o Ires, quali l’Imu e l’Irap, oltre all’Inps dipendenti, commercianti...