Esperto RispondeContabilità

Con i disallineamenti tra valori civilistici e fiscali non si compila il quadro RV

di Gianluca Dan

La domanda

Un imprenditore individuale nel corso del 2016 ha conferito l’unica azienda posseduta in una società a responsabilità limitata. Il conferimento è avvenuto in continuità di valori contabili e fiscali. In particolare la conferitaria ha riportato nella sua contabilità (a saldi aperti) i saldi patrimoniali come risultanti dalla contabilità del conferente. A seguito dell’operazione, quindi, non si è generato alcun disallineamento tra valori civili e valori fiscali dei beni e/o degli elementi patrimoniali trasferiti.Si chiede se il soggetto conferitario sia comunque tenuto alla compilazione del quadro RV anche in mancanza di disallineamento tra valori civili e valori fiscali e se la mancata compilazione dello stesso possa far perdere all’operazione effettuata il regime di neutralità fiscale.

La risposta è negativa. Nel caso in cui non vi siano disallineamenti tra i valori civilistici e quelli fiscali non va compilato il quadro RV.
Si ricorda infatti che il quadro RV ha lo scopo di evidenziare le differenze tra i valori civili e i valori fiscali di beni e/o elementi patrimoniali emerse in dipendenza delle operazioni di:
• conferimento di azienda, fusioni e scissioni,
•rivalutazione di beni,
•utili e/o perdite su cambi derivanti dalla valutazione dei crediti e debiti in valuta ai sensi ...