Controlli e liti

Concorrenza, c’è il reato se le minacce ostacolano le scelte dell’imprenditore

di Patrizia Maciocchi

L’illecita concorrenza con violenza e minaccia, scatta quando gli atti, commessi nell’esercizio di un’attività commerciale, industriale o comunque produttiva, sono tali da contrastare od ostacolare la libertà di autodeterminazione dell’impresa concorrente. Questa la decisione, presa dalle Sezioni unite della Corte di cassazione, anticipata da un’informazione provvisoria, in attesa delle motivazioni . A rimettere gli atti al Supremo consesso era stata la terza sezione penale per dirimere un contrasto...