Adempimenti

Corrispettivi telematici anche attraverso la procedura web delle Entrate

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo scorso 9 aprile (clicca qui per consultare l’articolo) avevamo provato a fornire un quadro di sintesi circa il nuovo obbligo di trasmissione telematica dei corrispettivi in vigore dal 1° gennaio 2020, scadenza che in presenza di un volume d’affari su base annua superiore a 400mila euro scatterà anticipatamente già dal prossimo 1° luglio. Solo pochi giorni dopo, l’agenzia delle Entrate ha pubblicato il provvedimento del 99297/2019 (clicca qui per consultarlo), con il quale nel confermare quelle che erano state nostre ipotesi interpretative e operative, ha aperto a scenari molto interessanti per gli esercenti e per gli intermediari fiscali che li assistono. Si tratta, in effetti, di un provvedimento che potrebbe avere potenzialmente una rilevante portata innovativa, qualora si riuscisse concretamente a raggiungere quelli che sono gli obiettivi che sembra prefissarsi.

Proviamo ad approfondire, di seguito, i due passaggi del provvedimento che dal punto di vista operativo risultano i più significativi per gli operatori.
La memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri potrà essere effettuata anche utilizzando una procedura web messa gratuitamente a disposizione dei contribuenti in area riservata del sito web delle Entrate e usabile anche su dispositivi mobili. Mediante tale procedura sarà possibile generare il «documento commerciale» al decreto interministeriale del 7 dicembre 2016.

Le informazioni acquisite telematicamente dall’Agenzia saranno messe a disposizione del contribuente, titolare dell’apparecchio o di un intermediario di cui all’articolo 3, comma 3, del Dpr 322/1998, appositamente delegato dal contribuente stesso, in un’apposita area dedicata e riservata presente sul sito web delle Entrate. Il conferimento/revoca della delega potrà essere effettuato con le modalità al provvedimento delle Entrate del 5 novembre 2018.

Memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi tramite la procedura web delle Entrate
Che gli scontrini fiscali prodotti dai registratori di cassa venissero sostituiti dal «documento commerciale» prodotto dal registratore telematico era abbastanza chiaro, perlomeno a chi aveva già un po’ approfondito la problematica. Ma che fine avessero fatto le ricevute fiscali non era per nulla chiaro a nessuno. Ebbene, il provvedimento chiarisce di fatto che le ricevute fiscali vengono anch’esse sostituite dal «documento commerciale», che però dovrà essere prodotto dalla procedura web delle Entrate.
Quindi la procedura web delle Entrate eseguirà due funzioni:
genererà il «documento commerciale» al decreto interministeriale del 7 dicembre 2016;
effettuerà la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri.

In realtà si tratta esattamente delle stesse due funzioni che già vengono eseguite dal registratore telematico, di cui la procedura web delle Entrate diventa di fatto una possibile alternativa. In relazione al primo dei due punti, va precisato che, stante l’attuale formulazione dell’articolo 1, comma 2, del suddetto decreto interministeriale del 7 dicembre 2016, il «documento commerciale» essere emesso mediante gli strumenti tecnologici di cui all’articolo 2, comma 3, del decreto legislativo 127/2015, ossia mediante i medesimi strumenti tecnologici che consentono la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica e che garantiscano l’inalterabilità e la sicurezza dei dati.

Quindi - al netto di chiarimenti che possano fornire indicazioni diverse, al momento non previsti né pervenuti - non sembrerebbe possibile generare il “documento commerciale» con strumenti diversi dal registratore telematico ovvero dalla procedura web messa a disposizione dei contribuenti in area riservata del sito web delle Entrate. Il tutto renderebbe peraltro del tutto coerente l’alternatività delle due soluzioni informatiche adottabili, contemperando le esigenze fiscali delle Entrate con la necessità di garantire a livello commerciale i clienti dell’esercente, in qualità di acquirenti.
Va peraltro ricordato che il «documento commerciale» qualora emesso in modalità ordinaria, ossia senza valenza fiscale, può non contenere alcun dato del cliente, dovendo contenere esclusivamente le seguenti informazioni:
data e ora di emissione;
numero progressivo;
ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, dell’emittente;
numero di partita Iva dell’emittente;
ubicazione dell’esercizio;
descrizione dei beni ceduti e dei servizi resi (per i prodotti medicinali può essere indicato il numero di autorizzazione alla loro immissione in commercio Aic);
ammontare del corrispettivo complessivo e di quello pagato.

In questo caso il «documento commerciale» avrà valenza esclusivamente commerciale (articolo 3, del decreto interministeriale del 7 dicembre 2016), dovendo esclusivamente:
certificare l’acquisto effettuato dall’acquirente nella misura da esso risultante;
costituire titolo per l’esercizio dei diritti di garanzia contro i vizi della cosa venduta stabiliti dalle norme vigenti o dei diritti derivanti da altre tipologie di garanzia eventualmente presenti in forza di specifiche normative o di clausole contrattuali stabilite dalle parti.

Qualora invece il «documento commerciale» venga richiesto dal cliente con valenza fiscale (articolo 5), questo potrà essere utilizzato:
per la deduzione delle spese sostenute per gli acquisti di beni e di servizi agli effetti dell’applicazione delle imposte sui redditi;
per la deduzione e detrazione degli oneri rilevanti ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche;
per l’applicazione dell’articolo 21, comma 4, lettera a), del Dpr 633/1972, ossia per le cessioni di beni la cui consegna o spedizione risulta da Ddt o da altro documento idoneo, nel qual caso può essere emessa una sola fattura, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione delle medesime.

Qualora il «documento commerciale» venga emesso con valenza fiscale, dovrà essere richiesto dall’acquirente non oltre il momento di effettuazione dell’operazione e dovrà contenere anche il codice fiscale o il numero di partita Iva dell’acquirente stesso (articolo 4).

Acquisizione dei corrispettivi dal portale Fatture e corrispettivi
Il registratore telematico è un «dispositivo dotato di modulo fiscale e capacità di trasmissione telematica, corredato di identificativo fiscale univoco e in grado di leggere, memorizzare e trasmettere i dati a valenza fiscale». Tale definizione, tratta dal documento di specifiche tecniche, ci permette di capire che la trasmissione telematica all’agenzia delle Entrate dei corrispettivi giornalieri è effettuata automaticamente dal dispositivo stesso, in un orario casuale all’interno dell’intervallo di funzionamento del dispositivo. La trasmissione viene effettuata nella fascia oraria 00:00 - 22:00, a partire dal giorno successivo a quello cui i corrispettivi si riferiscono. La trasmissione dei dati giornalieri avviene con una frequenza variabile con un valore massimo dell’intervallo di 5 giorni. Per tutta la durata dei 5 giorni previsti, il registratore telematico dovrà ripetutamente tentare la trasmissione del file elaborato a seguito della chiusura giornaliera.

Ebbene, l’agenzia delle Entrate metterà a disposizione del contribuente - titolare dell’apparecchio o del suo intermediario fiscale, appositamente incaricato dal contribuente stesso mediante delega di cui al provvedimento delle Entrate del 5 novembre 2018 - i dati fiscali dei corrispettivi inviati dal registratore telematico, nell’apposita area dedicata e riservata presente sul sito web Fatture e corrispettivi. In questo modo l’intermediario fiscale, qualora delegato dal contribuente, potrà scaricare i flussi dei corrispettivi mensili e importarli sul proprio gestionale, per poterli elaborare ai fini Iva e reddituali. Tale scarico potrà chiaramente avvenire anche in relazione ai corrispettivi memorizzati e trasmessi dall’esercente tramite l’applicazione web delle Entrate.

Non sarà quindi necessario, per l’esercente, stampare i corrispettivi mensili e portarli al proprio consulente fiscale (commercialista, associazione di categoria, eccetera), ma potrà essere il consulente fiscale stesso ad operare in totale autonomia, con dati certi e nei tempi a lui più congeniali. Dal punto di vista tecnico l’agenzia delle Entrate si è resa disponibile, con AssoSoftware, ad analizzare la fattibilità di un accesso all’area dedicata del portale Fatture e corrispettivi anche tramite web service, in modo tale da consentire l’acquisizione diretta, da parte dei gestionali, dei flussi dei corrispettivi mensili, senza la necessità di dover effettuare il download manuale dei dati da parte degli operatori delle imprese esercenti o degli intermediari fiscali delegati.

L’adeguamento dei software
AssoSoftware, insieme alle società di software associate, e queste ultime insieme ai propri clienti (aziende e commercialisti), stanno valutando possibili soluzioni applicative che possano semplificare e velocizzare le attività connesse all’emissione, nonché scarico e registrazione dei corrispettivi.

In relazione al primo punto, un’ipotesi possibile sarebbe quella di far evolvere gli attuali gestionali di fatturazione elettronica per affiancare l’applicazione web delle Entrate, in riferimento a quegli esercenti che - per ridotta dimensione - non necessitano di un registratore telematico, ma che comunque hanno interesse ad utilizzare un software che possa fornire una struttura applicativa gestionale più completa (gestione del magazzino, eccetera) di quella che può fornire la sola applicazione web delle Entrate. Chiaramente bisognerà trovare delle soluzioni tecniche compatibili con le esigenze di sicurezza e di inalterabilità dei dati fin dall’origine richieste dalle norme sui corrispettivi telematici.

In relazione al secondo punto l’ipotesi preferibile sarebbe quella di poter effettuare il download automatico direttamente dall’interno dei gestionali, tramite web service, dei corrispettivi memorizzati e trasmessi dai Registratori telematici ovvero dall’App delle Entrate. In una prima fase, qualora non ancora disponibili i web services, le procedure potrebbero essere adattate per l’import manuale dei flussi scaricati dal sito Fatture e corrispettivi, laddove comunque non mancherebbero difficoltà legate alla necessità di mappare ciascun flusso scaricato con i codici Iva e con conti contabili utilizzati sul gestionale, nonché - nei casi più complessi - gestire le mappature con le attività Iva separate e con i centri di costo.
Il tutto è al momento ancora in fase di valutazione, anche se le attività di produzione non potranno che iniziare già dai mesi di maggio o giugno se si vorrà essere tutti pronti per l’autunno.

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, dUe vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva alla prova della convenienza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, la via dell’integrazione dei sistemi per aumentare i vantaggi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, da subito l’obbligo di conservazione sostitutiva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

E-fattura, codice convenzionale se il cliente non comunica l’indirizzo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Termini sovrapposti per i versamenti dell’Iva e delle dichiarazioni dei redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il versamento carente dell’Iri in acconto non è sanzionabile
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci digitali, la road map parte da società quotate e soggetti Ias
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Privacy, software già allineati al Gdpr
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa con un set di dati già «precompilati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance del regime premiale per gli studi di settore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Le incognite del ricalcolo dopo lo stop (tardivo) alla doppia rata per le partite Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deduzione dei costi, la Cassazione detta la linea sulle fatture originali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, ecco perché si applica l’esonero dalla tenuta dei registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, gli effetti dei controlli preventivi sui crediti a rischio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva, modello per l’opzione sottoscritto da tutti i partecipanti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deducibilità degli interessi passivi con nuovi criteri in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Beni ammortizzabili, rimborso Iva anche per il leasing
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Registri Iva verso l’estensione della stampa solo su richiesta dei verificatori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

F24, in arrivo nuove regole di compilazione e di compensazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così l’emissione dal committente per gli agenti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi», tutti i pro e i contro delle possibili modalità di accesso
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, costi e benefici delle tre soluzioni per la delega all’intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Acconto Iva con assist dal quadro VH della dichiarazione 2018
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci alla prova della nuova tassonomia Xbrl
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La dichiarazione 2019 fa spazio ai crediti del gruppo Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770/2019, invio separato dal sostituto in base al tipo di ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi strumenti informatici per applicare gli Isa nel 2019
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il riporto delle perdite «apre» anche al regime per cassa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La fattura elettronica «aggiorna» i registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, da AssoSoftware un tracciato per la Gdo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, ecco i costi che si possono ridurre
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così il versamento dell’imposta di bollo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

L’iperammortamento «dribbla» gli ostacoli sul calcolo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, tre strumenti per portarla a regime
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Redditi 2019 fa il pieno di novità: dagli Isa alle rivalutazioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, la prevenzione gioca d’anticipo sul rischio di attacchi informatici
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa, così l’impatto dei dati «precalcolati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica per gli appalti nella Pa, ad aprile arriva lo standard unico europeo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi» richiede la preventiva adesione al servizio di consultazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, conto alla rovescia per il primo debutto dell’obbligo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, test per il versamento del bollo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©

Newsletter

Ogni mattina l'aggiornamento sulle ultime novità dalla redazione di Norme e Tributi. Uno strumento gratuito e indispensabile per la professione.

Community

Il punto di incontro tra professionisti, esperti fiscali e la redazione di Norme e Tributi, sugli argomenti di maggiore attualità.