Adempimenti

Corrispettivi telematici, documento commerciale dei forfettari ancora senza codice

di Raffaele Rizzardi

La novità dal 1° gennaio di quest’anno per l’obbligo dei corrispettivi telematici si riferisce alle operazioni al dettaglio dei soggetti di imposta con volume d’affari sino a 400.000 euro. Ma forse non si è posto in adeguata evidenza la natura di chi forma il maggior numero di questi contribuenti. Si tratta dei forfettari, che non sono mai stati esonerati dalla certificazione dei loro corrispettivi, ma che in gran parte riuscivano ad adempiere utilizzando la ricevuta fiscale.

Pensiamo ai parrucchieri...