Imposte

Credito d’imposta ricerca e sviluppo solo per i «nuovi» software

di Emanuele Reich e Franco Vernassa

Con la circolare 59990 del 9 febbraio il ministero dello sviluppo economico (Mise) è intervenuto per fornire alcuni importanti indicazioni di carattere sistematico riguardanti le attività di sviluppo di software, e la relativa documentazione di supporto, al fine di chiarire le ipotesi in cui esse sono ammissibili al credito d’imposta per la ricerca e sviluppo disciplinato dall’articolo 3, commi 4 e 5, del Dl 145/2013 e dall’articolo 2 del Dm 27 maggio 2015. In ogni caso, il Mise rinvia per l’esame...