Controlli e liti

Facebook apre alla tassazione locale

di Alessandro Galimberti

Tanto tuonò che comincio almeno a piovigginare. Dopo mesi di pressing internazionale - tra dossier di Bruxelles, scatti in avanti del G4 (Italia, Francia, Germania e Spagna) e proposte di web tax via Ocse, ma solo dal 2020 - ieri Facebook ha annunciato una svolta significativa nel suo rapporto con le fiscalità nazionali. A partire dal 2018, e a regime dal 2019, il popolare social network californiano (e irlandese di tasse) varerà una serie di «strutture di vendita locali» che operereanno, di fatto...