Controlli e liti

Fallimento, sì all’esdebitazione se il reato non è strumentale all’impresa

di Patrizia Maciocchi

Via libera all’esdebitazione in favore dell’imprenditore condannato per aver diffamato la banca, se il reato non è strumentale all’attività di impresa. La Cassazione (sentenza 10080) respinge il ricorso dell’istituto di credito, contro il decreto con il quale la Corte d’appello aveva accordato l’esdebitazione malgrado l’esistenza di una condanna per diffamazione proprio nei confronti della banca. Reato considerato ostativo dalla ricorrente, secondo quanto previsto dall’articolo 142 della legge fallimentare...