Contabilità

Gli acquisti di quote non generano una nuova comunione

di Adriano Pischetola

Gli atti (tra vivi a titolo oneroso o gratuito, o a causa di morte) o i fatti meramente traslativi che non determinino una nuova situazione di contitolarità di beni e diritti, ma incidano solo sulla misura e titolarità delle quote di proprietà relative a preesistenti comunioni di siffatti beni e diritti, non costituiscono «titolo» di acquisto né generano una nuova e distinta massa di beni.

Lo afferma la Cassazione (28 marzo 2018 n. 7604), in relazione a una controversia tra l’agenzia delle Entrate...