Adempimenti

Gli Isa si preparano alle modifiche del 2020

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

È sembrato inizialmente quasi surreale a tutti i partecipanti alla seconda giornata del convegno AssoSoftware - che si è tenuto a Bologna il 28 novembre, dal titolo «Adempimenti gestionali, fiscali e lavoro 2020 - Le novità e l’impatto sullo sviluppo dei software» - iniziare già a esaminare le novità degli Isa 2020, quando era ancora aperto il termine per la trasmissione delle dichiarazioni 2019 (quest’anno spostato al 2 dicembre).

In effetti quest’ultima stagione fiscale sarà ricordata come una delle più complesse e contraddistinta da problemi tecnici proprio sugli Isa così gravi da portare a uno slittamento dei versamenti delle imposte sui redditi addirittura al 30 settembre.

Va però detto che proprio l’importanza di superare e di non ricadere - il prossimo anno - in problemi analoghi a quelli vissuti quest’anno ha di fatto reso necessario anticipare i tempi del confronto tra l’agenzia delle Entrate e Sogei da una parte e le società di software associate ad AssoSoftware dall’altra.

I rappresentanti di agenzia delle Entrate e di Sogei intervenuti durante l’evento hanno illustrato tutti gli interventi previsti per la prossima campagna dichiarativa.
Il percorso di semplificazione descritto rappresenta, solo un primo passo verso una più consistente riduzione degli adempimenti, posto che il Dl 34/2019, convertito, con modificazioni, dalla legge 58/2019, ha previsto che, a partire dal periodo d’imposta 2020 «Dai modelli da utilizzare per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli indici sono esclusi i dati già contenuti negli altri quadri dei modelli di dichiarazione previsti ai fini delle imposte sui redditi». Di seguito la sintesi dell’intervento.

Gli Isa in revisione
Dei 175 Isa approvati per il periodo d’imposta 2018, ben 89 Isa andranno in revisione già con riferimento alla dichiarazione del prossimo anno (periodo d’imposta 2019, di seguito periodo d’imposta), così suddivisi:
•15 manifatture
•25 servizi
•31 commercio
•18 professionisti

La platea dei soggetti coinvolti sarà di 2,3 milioni di contribuenti. Il processo di revisione è incentrato sull’obiettivo di ridurre il numero di informazioni richieste sui modelli Isa, rendendo meno onerosa la loro compilazione. Va peraltro ricordato che già con il passaggio dagli studi di settore agli Isa vi era stata una riduzione delle informazioni da indicare nel modello. In particolare importante era stata la riduzione del numero medio di variabili richieste nel singolo modello, passati da 258 (studi di settore periodo d’imposta 2015) a 147 (Isa periodo d’imposta 2018).

L’impatto più significativo della attività di semplificazione aveva riguardato le variabili strutturali, per le quali si era registrata una riduzione media per modello da 83 variabili (studi di settore periodo d’imposta 2015) a sole 29 variabili (Isa periodo d’imposta 2018). Invece i quadri contabili e quelli relativi al personale, nel passaggio da studi di settore a Isa, erano rimasti sostanzialmente invariati.

Le modifiche più rilevanti per il periodo d’imposta 2019 riguarderanno quindi essenzialmente i quadri contabili:
•il quando F verrà semplificato con la riduzione delle informazioni richieste;
•il nuovo quadro H, che andrà via via a sostituire il quadro G per i Professionisti, richiederà i medesimi dati già contenuti nel quadro RE della dichiarazione dei redditi.

Le novità del quadro F
Più in dettaglio, il quadro F sarà “depurato” di alcuni dati contabili utili solo per alcuni specifici Isa e dovrà quindi essere compilato con le medesime regole per tutti gli Isa. In particolare:
•dal rigo F06 relativo alle esistenze iniziali di opere, forniture e servizi di durata ultrannuale, saranno eliminati i due «di cui» riferiti all’articolo 93, comma 5, del Tuir;
•dal rigo F07 relativo alle rimanenze finali di opere, forniture e servizi di durata ultrannuale, sarà eliminato il «di cui» riferito all’articolo 93, comma 5, del Tuir;
•i righi da F08 a F12 relativi ai prodotti soggetti ad aggio o a ricavo fisso, saranno stati espunti dal quadro F e inseriti nel quadro C sui soli Isa interessati dalla specifica problematica;
•il rigo F18 relativo agli altri costi per servizi verrà eliminato e il suo contenuto confluirà nel rigo F17 Spese per acquisti di servizi;
•dal rigo F19 relativo ai costi per il godimento di beni di terzi, sarà eliminato il «di cui» relativo alle quote di canoni di leasing fiscalmente deducibili oltre il periodo di durata del contratto;
•dal rigo F20 relativo alle Spese per lavoro dipendente, sarà eliminato il «di cui» per personale di terzi distaccato presso l’impresa o con contratto di somministrazione di lavoro;
•dal rigo F23 relativo agli Oneri diversi di gestione, sarà eliminato il «di cui» per abbonamenti riviste e giornali;
•dal rigo F27 relativo al Valore dei beni strumentali, sarà eliminato il «di cui» beni acquisiti in dipendenza di contratti di locazione non finanziaria.

Dunque un quadro F decisamente più leggibile, per il quale risulta particolarmente apprezzabile l’eliminazione del rigo F18 relativo agli altri costi per servizi (il cui contenuto confluirà nel rigo F17 Spese per acquisti di servizi) che tanti problemi ha creato in questi anni (anche con riferimento agli studi di settore) sia in fase di compilazione da parte del contribuente che di verifica da parte dei funzionari deputati al controllo.

Il nuovo quadro H
L’adozione del quadro H per gli 89 Isa revisionati è assunta con l’obiettivo di uniformare la richiesta di dati contabili tra la dichiarazione dei redditi (quadro RE) e gli Isa.
Di fatto il nuovo quadro H risulta identico al quadro RE, con il solo inserimento dei seguenti righi (peraltro già presenti nel quadro G):
•H01 Valore dei beni strumentali in proprietà;
•H21 Spese per prestazioni di collaborazione coordinata e continuativa;
•da H22 a H27 per l’indicazione degli elementi contabili necessari alla determinazione dell’aliquota Iva.
•Chiaramente per il periodo d’imposta 2019 il quadro H sarà presente esclusivamente sugli 89 Isa revisionati, mentre per i restanti 86 Isa dovrà essere ancora compilato l’attuale quadro G, perlomeno fino al periodo d’imposta 2020.

Le altre novità degli Isa 2020
La Commissione degli esperti, riunitasi in data 24 ottobre 2019, ha stabilito:
a)l’inutilizzabilità, anche per il periodo d’imposta 2019, degli «Indicatori di anomalia basati su banche dati non fiscali»;
b)la semplificazione e soppressione di alcune variabili “precalcolate”;
c)la soppressione degli indicatori elementari di anomalia correlati ad alcune variabili “precalcolate”;
d)la modifica della formula degli indicatori elementari di anomalia «Incidenza dei costi residuali di gestione», per esercenti attività d’impresa, e «Incidenza delle altre componenti negative nette sulle spese», per esercenti arti e professioni, con calcolo al netto degli oneri per imposte e tasse;
e)l’esclusione dell’applicazione degli Isa, anche per il periodo d’imposta 2019, per i soggetti che presentano ricavi derivanti da attività secondarie superiori al 30% del totale dei ricavi conseguiti;
f)la gestione del numero delle unità locali, per gli Isa revisionati nel 2019.

In relazione al punto a), l’elenco delle principali banche dati non fiscali non utilizzabili anche per il periodo d’imposta 2019, è il seguente:
•Inps Uniemens;
•Archivi della Motorizzazione Civile (Aci);
•Archivi delle Strutture sanitarie private;
•Consumi di energia elettrica;
•Consumi di gas;
•Bilanci civilistici;
•Albi professionali;
•Archivi del Pubblico Registro Automobilistico (Pra).

In relazione al punto b), le variabili “precalcolate” soppresse sono le seguenti:
•condizione di “lavoro dipendente” risultante dalla certificazione unica («Cu»);
•condizione di “pensionato” risultante dalla certificazione unica;
•numero incarichi risultanti dalla certificazione unica;
•importo dei compensi percepiti risultanti dalla certificazione unica;
•canoni da locazione desumibili dal modello registro locazioni immobili;
•numero di modelli «Cu» nei quali il contribuente risulta essere l’incaricato alla presentazione telematica;
•reddito relativo al periodo d’imposta precedente;
•reddito relativo a due periodi d’imposta precedenti;
•reddito relativo a tre periodi d’imposta precedenti;
•reddito relativo a quattro periodi d’imposta precedenti;
•reddito relativo a cinque periodi d’imposta precedenti;
•reddito relativo a sei periodi d’imposta precedenti;
•reddito relativo a sette periodi d’imposta precedenti;
•numero di periodi d’imposta in cui è stata presentata una dichiarazione con reddito negativo nei sette periodi d’imposta precedenti.

In relazione al punto c), gli indicatori elementari di anomalia soppressi sono i seguenti:
•corrispondenza della condizione di «pensionato» con il modello «Cu»;
•corrispondenza della condizione di «lavoratore dipendente» con il modello «Cu»;
•corrispondenza del numero totale incarichi con il modello «Cu»;
•corrispondenza dei compensi dichiarati con il modello «Cu»;
•corrispondenza dei canoni da locazione desumibili dal modello Registro Locazioni Immobili con quelli dichiarati;
•corrispondenza del numero di «Cu» ordinarie inviate con i dati in Anagrafe tributaria;
•Reddito negativo per più di un triennio;
•corrispondenza dei compensi derivanti da prestazioni rese in regime di convenzione con il Servizio sanitario nazionale con il modello «Cu».

In relazione al punto d), la modifica della formula degli indicatori elementari di anomalia riguarda:
•l’«incidenza dei costi residuali di gestione», per esercenti attività d’impresa;
•l’«incidenza delle altre componenti negative nette sulle spese», per esercenti arti e professioni.

Entrambe, a partire dal periodo d’imposta 2019, saranno calcolate al netto degli oneri per imposte e tasse, per tutti i 175 Isa. In relazione al punto e), confermata l’esclusione dell’applicazione degli Isa, anche per il periodo d’imposta 2019, per i soggetti che presentano ricavi derivanti da attività secondarie superiori al 30% del totale dei ricavi conseguiti.

Per uniformità, gli Isa si applicheranno alle imprese multiattività a partire dal periodo d’imposta 2020, quanto tutti e 175 gli Isa saranno revisionati e sarà quindi possibile estendere il regime premiale anche a tali tipologie di imprese.
Per il periodo d’imposta 2019 è prevista la non applicazione degli Isa in presenza di compilazione del prospetto multiattività (% ricavi attività secondarie maggiori del 30%).
In relazione al punto f), la gestione del numero delle unità locali riguarderà gli Isa revisionati nel 2019.

Dati precalcolati e aspetti tecnici
Nessuna novità interesserà lo scaricamento del file Xml contenente i dati precalcolati, che sarà reso disponibile nelle stesse modalità utilizzate quest’anno, quindi con scaricamento da Entratel. Nessuna novità dovrebbe riguardare anche la delega all’intermediario.
L’unica “novità” del file Xml riguarderà il suo contenuto, che sarà più “scarno”, in quanto alcune variabili - ora soppresse - non saranno più presenti nel file Xml, che tuttavia conserverà lo stesso schema di quest’anno.

Le prospettive
Poche modifiche tecniche, molte migliorie sulla definizione delle variabili e sui calcoli, che dovrebbero finalmente risultare più stabili. Le software house, coordinate da AssoSoftware, faranno anche loro il possibile affinché quello di quest’anno diventi solo un ricordo e che si possa lavorare tutti in tempi congrui e con risultati affidabili, senza dover rifare più volte i medesimi lavori, a causa di anomalie tecniche non imputabili alle procedure.

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, dUe vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva alla prova della convenienza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, la via dell’integrazione dei sistemi per aumentare i vantaggi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, da subito l’obbligo di conservazione sostitutiva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

E-fattura, codice convenzionale se il cliente non comunica l’indirizzo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Termini sovrapposti per i versamenti dell’Iva e delle dichiarazioni dei redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il versamento carente dell’Iri in acconto non è sanzionabile
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci digitali, la road map parte da società quotate e soggetti Ias
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Privacy, software già allineati al Gdpr
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa con un set di dati già «precompilati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance del regime premiale per gli studi di settore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Le incognite del ricalcolo dopo lo stop (tardivo) alla doppia rata per le partite Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deduzione dei costi, la Cassazione detta la linea sulle fatture originali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, ecco perché si applica l’esonero dalla tenuta dei registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, gli effetti dei controlli preventivi sui crediti a rischio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva, modello per l’opzione sottoscritto da tutti i partecipanti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deducibilità degli interessi passivi con nuovi criteri in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Beni ammortizzabili, rimborso Iva anche per il leasing
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Registri Iva verso l’estensione della stampa solo su richiesta dei verificatori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

F24, in arrivo nuove regole di compilazione e di compensazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così l’emissione dal committente per gli agenti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi», tutti i pro e i contro delle possibili modalità di accesso
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, costi e benefici delle tre soluzioni per la delega all’intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Acconto Iva con assist dal quadro VH della dichiarazione 2018
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci alla prova della nuova tassonomia Xbrl
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La dichiarazione 2019 fa spazio ai crediti del gruppo Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770/2019, invio separato dal sostituto in base al tipo di ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi strumenti informatici per applicare gli Isa nel 2019
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il riporto delle perdite «apre» anche al regime per cassa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La fattura elettronica «aggiorna» i registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, da AssoSoftware un tracciato per la Gdo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, ecco i costi che si possono ridurre
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così il versamento dell’imposta di bollo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

L’iperammortamento «dribbla» gli ostacoli sul calcolo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, tre strumenti per portarla a regime
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Redditi 2019 fa il pieno di novità: dagli Isa alle rivalutazioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, la prevenzione gioca d’anticipo sul rischio di attacchi informatici
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa, così l’impatto dei dati «precalcolati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica per gli appalti nella Pa, ad aprile arriva lo standard unico europeo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi» richiede la preventiva adesione al servizio di consultazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, conto alla rovescia per il primo debutto dell’obbligo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, test per il versamento del bollo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici anche attraverso la procedura web delle Entrate
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, esistenze iniziali rilevanti solo per chi proviene dall’ordinaria
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture elettroniche con numerazione univoca e progressiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura da e verso soggetto estero, slalom tra formati di emissione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, acquisizione dei dati precompilati in cerca di semplificazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa e software, rischio di insidie da monitorare con attenzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Superammortamento, il nuovo tetto dei 2,5 milioni complica il calcolo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazioni 2019, così il monitoraggio delle anomalie dei diagnostici
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fattura, tutti i passaggi per la consultazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Sulla fatturazione differita spazio a condizioni migliorative
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Proroga dei versamenti di Redditi, necessario l’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, nel periodo transitorio sì all’invio da parte degli intermediari
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le prospettive dopo i primi mesi dal debutto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura ricevuta ad agosto ma datata aprile, test per la detrazione Iva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Bonus energia, sconto in fattura solo con il consenso del fornitore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Ricerca e sviluppo, il bonus «cerca» la concreta innovazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Autoscuole, rettifiche dell’Iva per le annualità pregresse
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Sostituzione e resi, due vie per il documento commerciale
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Crisi d’impresa, strumenti di allerta e indicatori alla prima prova dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, meno rigidità sulla data della «differita»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Note spese dei dipendenti in trasferta, così la conservazione elettronica dei documenti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modifiche comunitarie all’Iva, la road map per l’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, la ventilazione «taglia» l’indicazione dell’aliquota Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, la chance del software
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Car pooling aziendale, un’opportunità per imprese e lavoratori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Corrispettivi telematici, le regole per le attività alberghiere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così le sanzioni per i documenti scartati e non riemessi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La fattura elettronica si prepara alle novità del 2020
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©

Newsletter

Ogni mattina l'aggiornamento sulle ultime novità dalla redazione di Norme e Tributi. Uno strumento gratuito e indispensabile per la professione.

Community

Il punto di incontro tra professionisti, esperti fiscali e la redazione di Norme e Tributi, sugli argomenti di maggiore attualità.