Controlli e liti

Il contenuto del definitivo supera i patti preliminari

di Antonino Porracciolo

Il contenuto del contratto definitivo supera i patti del preliminare; di conseguenza, i sottoscrittori di quest’ultimo non possono agire in giudizio per ottenere l’adempimento di obblighi che, sebbene già previsti nel primo accordo, non siano stati poi richiamati nel successivo negozio giuridico. Lo ricorda il Tribunale di Roma (presidente Di Salvo, relatore Romano) nella sentenza 35549 pubblicata lo scorso 8 ottobre.

I fatti risalgono al 2006, quando l’attore, allora promittente venditore, si impegnava...