Controlli e liti

L’adeguamento agli studi di settore non è ritrattabile in giudizio

di Alessandro Borgoglio

La scelta discrezionale del contribuente di adeguarsi o meno agli studi di settore costituisce una precisa manifestazione di volontà e, quindi, in caso di adeguamento in sede di dichiarazione dei redditi, il contribuente non può poi impugnare la successiva cartella di pagamento, con la quale vengano chieste le somme dell’adeguamento, adducendo che quest’ultimo sia stato frutto di un errore. Lo ha stabilito la Cassazione, con l’ordinanza 31237/2019.
...

È ormai consolidato il principio giurisprudenziale...