Imposte

La Cassazione fa luce sui bonus «a catena»

di Angelo Busani

Il credito d’imposta sulla prima casa può configurarsi, in certi casi, come un credito “a catena”. Immaginiamo, ad esempio, che Tizio nel dicembre del 2012 abbia comprato la prima casa spendendo 9mila euro per imposta di registro, che nel maggio 2014 l’abbia venduta e nel febbraio 2015 abbia comprato un’altra prima casa, con un atto che avrebbe dovuto scontare (se non ci fosse stato un credito d’imposta scomputabile) 13mila euro per imposta di registro. In quell’occasione Tizio ha dovuto effettivamente...