Esperto RispondeImposte

La cessione del sismabonus è esente da Iva e non richiede la fattura

di Marco Zandonà

La domanda

In fase di cessione del credito d’imposta agli istituti finanziari, quest’ultimi trattengono una percentuale per il servizio reso. Nel caso in cui volessi riaddebitare questi costi al mio cliente, come posso qualificare l’operazione ai fini Iva? Nella risoluzione 6/E dell’11 febbraio 1998, viene fornita una indicazione che può riassumersi così: «Se l’operazione è esente, a norma dell’articolo 10, del decreto Iva, Dpr 633/1972, a mia volta dovrei indicare in fattura la stessa esenzione».
Ho inoltre valutato che l’operazione non rientrerebbe nella categoria delle “spese accessorie” le quali generalmente seguono la natura dell’oggetto principale della prestazione.
G.B. – Reggio Calabria

Con la risposta 369 del 24 maggio 2021, l'agenzia delle Entrate chiarisce che sotto il profilo dell’Iva, la cessione, dietro corrispettivo, di crediti d’imposta derivanti dalle detrazioni per gli interventi di recupero edilizio degli immobili, come l’ecobonus e il sismabonus, anche nella forma del Superbonus al 110%, è esente da Iva, come operazione di natura finanziaria, e non deve essere attestata mediante fattura o altra forma di certificazione (articolo 10, primo comma, n. 1 del Dpr 633/1972). ...