Controlli e liti

La Ctr protesta tra le righe

di Giorgio Gavelli

Emblematica di una certa “resistenza” dei giudici di merito al consolidato orientamento della Cassazione che obbliga in solido sostituto e sostituito è la decisione 6716/45/2016 della Ctr Lombardia, la quale ritiene questo principio «moralmente non condivisibile» ma, in quanto giudice di rinvio, non opinabile. Viene, però, disposta, l’inapplicabilità delle sanzioni al contribuente, riconosciuto più “vittima” che “trasgressore”.