Controlli e liti

La presunzione semplice si basa su indizi gravi, precisi e concordanti

di Laura Ambrosi

Nelle operazioni ritenute soggettivamente inesistenti, la contestazione dell’assenza di buona fede da parte dell’acquirente non può basarsi su semplici indizi altrimenti si rischia che gli imprenditori non svolgano i propri affari, per il timore di partecipare ad una possibile frode fiscale con danno per il commercio e l’economia. Le difficoltà finanziarie del fornitore non sono indice sufficiente per recuperare l’Iva su fatture soggettivamente inesistenti: gli imprenditori, infatti, devono svolgere...