Esperto RispondeContabilità

La Sas artigiana rimasta con un solo socio può trasformarsi in società unipersonale

di Albino Leonardi

La domanda

In una Sas artigiana di due titolari (70% socio accomandatario e 30% accomandante in contabilità semplificata) il socio accomandante recede il 31 dicembre 2017 e non vi sarà ricostituzione sociale. Il socio accomandatario può continuare l’attività senza atto notarile e senza procedura di liquidazione della Sas?
Occorre nominare un amministratore terzo o le operazioni di “trasformazione impropria” possono essere effettuate dall’ex socio accomandatario che assume la titolarità della ditta individuale assumendo tutti i crediti e i debiti della ex Sas?

Quello descritto dal lettore rappresenta un evento meno raro di quanto si possa pensare, e pone dubbi ed interrogativi di rilevante portata.
La società, con socio unico, è situazione tutt’altro che anomala nell’ambito delle società di capitali, non in quello delle società di persone, settore in cui il Codice civile assegna un certo lasso temporale, cioè sei mesi, per ricostituire la pluralità dei soci e, se ciò non avviene si manifesta una causa di scioglimento, così come previsto nell’articolo 2272...