SpecialiImposte

Il decreto rilancio punto per punto

di Norme & Tributi Plus Fisco

Il decreto Rilancio, il Dl 34/2020 pubblicato sulla «Gazzetta Ufficiale» 128 del 19 maggio, è a tutti gli effetti una manovra finanziaria da 55 miliardi. Qui una sintesi delle norme di carattere fiscale commentati dalle firme del Sole 24 Ore.

Erogazioni a fondo perduto
Oltre ai prestiti agevolati, con il decreto Rilancio arrivano erogazioni a fondo perduto. La procedura di richiesta è condizionata a un calo documentabile degli affari, che prevede una determinazione degli importi più leggera per le imprese di più recente costituzione.

Contributo a fondo perduto, primo test sul fatturato / di Alessandro Sacrestano

Erogazioni leggere per le imprese più giovani / di Paolo Meneghetti

Rinvio dei versamenti
Slittano al 16 settembre i versamenti di imposte e contributi sospese nei mesi di marzo, aprile e maggio per imprese e professionisti colpiti dall’emergenza sanitaria e dalle norme di contenimento in vigore dall’8 marzo scorso. Il pagamento potrà avvenire in unica rata o dilazionato in 4 rate di pari importo a partire sempre dal mese di settembre. Non è dovuta la rata dell’Irap in scadenza a giugno (saldo 2019 o primo acconto 2020): il Mef ha chiarito che si tratterà di una vera cancellazione e non di un rinvio.

Irap cancellata, vantaggi per pochi / di Luca De Stefani

Il nuovo calendario dei versamenti / di Giuseppe Morina e Tonino Morina

Effetto dello stop all’Irap in bilancio / di Luca De Stefani

Superbonus del 110% e cessione dei bonus casa
Prevista l’introduzione di una detrazione del 110% per alcune spese di efficientamento energetico e riqualificazione (coibentazioni, sostituzione caldaie, fotovoltaico, sismabonus e colonnine di ricarica). Possibile la cessione del credito d’imposta e lo sconto in fattura, anche per molti altri crediti d’imposta

I lavori agevolati dal superbonus 110% / di Cristiano Dell’Oste e Giuseppe Latour

Detrazione del 110% limitata alle abitazioni principali / di Marco Mobili e Giorgio Santilli

Superbonus per il fotovoltaico legato a intervento pesanti / di Alessandro Borgoglio

Cessione a tappeto per gli altri bonus casa / di Alessandro Borgoglio

Cessione dei crediti d’imposta
Possibile cedere - anche in parte e anche alle banche - i crediti d’imposta introdotti per far fronte all’emergenza coronavirus.

Cessione dei crediti Covid / di Cristiano Dell’Oste

Bonus sanificazione e riapertura fase 2
Ai soggetti esercenti arti e professioni, agli enti non commerciali, compreso il Terzo del settore e agli enti religiosi civilmente riconosciuti viene riconosciuto, sulle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, e di acquisto di dispositivi di protezione individuale e di tutela della salute, un credito d’imposta pari al 60% per l’anno 2020. Previsto anche un credito d’imposta per la messa in sicurezza dei locali finalizzata alla riapertura.

Come funziona il bonus sanificazione / di Gianluca Dan

Come funziona il bonus riapertura / di Gianluca Dan

Bonus affitti
Ai soggetti esercenti arti e professioni, agli enti non commerciali, compreso il Terzo del settore e agli enti religiosi civilmente riconosciuti viene riconosciuto, sulle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, e di acquisto di dispositivi di protezione individuale e di tutela della salute, un credito d’imposta pari al 60% fino ad un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario, nel limite complessivo di 200 milioni di euro per l’anno 2020.

Tax credit affitti: le regole applicabili / di Lorenzo Pegorin e Gian Paolo Ranocchi

Nuovo tax credit trasferibile e ammesso per attività miste / di Lorenzo Pegorin e Gian Paolo Ranocchi

Iva
Viene prevista l’esenzione da Iva “temporanea” di una serie di beni acquistati a fine di contrasto ell’epidemia da Covid-19. A regime scatterà invece l’aliquota al 5%.

L’esenzione per il 2020 / di Giampaolo Giuliani

Integrazione della fattura senza Iva per gli acquisti intra-Ue / di Benedetto Santacroce

Mascherine, esenzione più ristretta della Ue / di Benedetto Santacroce

Compensazioni
Per immettere liquidità nel sistema economico anche a favore delle famiglie favorendo lo smobilizzo dei crediti tributari e contributivi attraverso l’istituto della compensazione nel 2020, in sede di erogazione dei rimborsi fiscali non si applica la compensazione tra il credito d’imposta e il debito iscritto a ruolo. Viene inoltre aumentato da 700mila euro a un milione l limite annuo di crediti compensabili tramite modello F24.

Pagamenti Pa / di Gian Paolo Tosoni

Soglie di compensazione / di Giorgio Gavelli

Ricapitalizzazioni
Previsto un beneficio fiscale del 20% per gli aumenti di capitale fino a 2 milioni di importo, per le società con ricavi consolidati 2019 tra 5 e i 50 milioni di euro, che abbiano registrato un calo dei ricavi consolidati di oltre il 33% nel bimestre marzo-aprile.

Riserve di capitale escluse dal tax credit / di Fabrizio Cancelliere e Gabriele Ferlito

Rivalutazioni
Il valore dei terreni (sia agricoli sia edificabili) e delle partecipazioni in società non quotate viene rideterminato per i beni posseduti al 1° luglio 2020, pagando un’imposta sostitutiva sul maggior valore che viene attribuito con una perizia.

Rivalutazioni riaperte / di Gian Paolo Tosoni

A chi conviene la chance del 30 settembre / di Giorgio Gavelli

Stop ad atti e cartelle
Il governo blocca la notifica ad imprese e cittadini di circa 30 milioni di atti tra accertamenti e cartelle esattoriali che sarebbe dovuta ripartire dal prossimo 1° giugno e concludersi il 31 dicembre.L’agente della riscossione riprenderà a notificare le cartelle esattoriali a partire dal 1° settembre 2020. Per quanto riguarda gli atti di accertamento o avvisi bonari il Fisco potrà lavorarli entro il 31 dicembre 2020. Per la notifica se ne parlerà nel 2021 a partire dal 1° gennaio ed entro il 31 dicembre del prossimo anno

Decadenza per atti e notifiche / di Dario Deotto e Luigi Lovecchio

Il nuovo calendario rottamazione / di Luigi Lovecchio

Cambiano i termini di notifica / di Antonio Iorio

Pir
Maggiore flessibilità nell’utilizzo dei Pir e allentamento dei vincoli per le sottoscrizioni con il decreto Rilancio, nel tentativo di convogliare il risparmio privato verso l’economia reale.

Decisive le regole attuative per l’accesso del retail / di Christian Montinari e Antonio Tomassini

Ivafe allineata per le società
L’imposta sulle attività finanziarie (Ivafe) viene allineata al bollo “domestico” per gli investimenti esteri di società e fondazioni.

Come cambia l'Ivafe / di Fabrizio Cancelliere e Gabriele Ferlito

Giustizia tributaria
Nelle udienze da remoto, anche giudici e personale amministrativo (quindi non solo le parti processuali) potranno utilizzare i collegamenti da remoto. Sospesi fino al 31 maggio i termini per il computo delle sanzioni relative ai ritardi nel versamento del contributo unificato.

Le regole sulla videoudienza / di Marcello Maria De Vito

Sugar tax e plastic tax
Rinviate al 1° gennaio 2021 le tasse sulle plastiche monouso e le bevande edulcorate, che erano state previste per quest’anno dall’ultima legge di Bilancio.

Durc ancora validi

Newsletter

Ogni mattina l'aggiornamento sulle ultime novità dalla redazione di Norme e Tributi. Uno strumento gratuito e indispensabile per la professione.

Community

Il punto di incontro tra professionisti, esperti fiscali e la redazione di Norme e Tributi, sugli argomenti di maggiore attualità.