Esperto RispondeControlli e liti

Liti pendenti, per definire l’importo si guarda lo stato della lite al 24 ottobre 2018

di Rosanna Acierno

La domanda

Per un contribuente, la Cassazione, in data 30 ottobre 2018, ha pubblicato una sentenza di rinvio alla Commissione tributaria regionale. Il contribuente è stato soccombente in primo grado, mentre la Commissione tributaria regionale ha accolto l’appello del contribuente. La lite fiscale, tutt’ora pendente, con quale percentuale può essere definita? Dall’importo da pagare si può detrarre oltre l’imposta anche gli interessi su iscrizioni provvisorie?
G. L. – Foggia

Come precisato dall’agenzia delle Entrate, nel corso di Telefisco 2019, nel caso di rinvio, il momento rilevante al fine di individuare l’importo dovuto per la definizione agevolata coincide con la data di entrata in vigore del decreto legge 119 del 2018, cioè con il 24 ottobre 2018, data alla quale la controversia era interessata da sentenza della Commissione tributaria regionale, sfavorevole all’Ufficio. Pertanto, il contribuente può definire la controversia con il pagamento del 15% del valore ...