Esperto RispondeControlli e liti

Lo stralcio per le mini cartelle riguarda anche i contributi Inps

di Rosanna Acierno

La domanda

La pace fiscale ha previsto lo stralcio da parte dell’agenzia della Riscossione, entro il 31 dicembre 2018, delle mini cartelle non superiori a mille euro emesse fra il 2000 e il 2010 senza che il cittadino debba presentare alcuna richiesta.
In questo senso, in attuazione del decreto fiscale, il giudice di pace di Afragola, con una sentenza, ha dato applicazione alla norma, dichiarando l'inesigibilità del credito, in attesa della cancellazione del debito.
L’agenzia della Riscossione, con un comunicato, ha dichiarato di aver proceduto, entro la scadenza, con la cancellazione delle mini cartelle. Ma da un successivo accesso al servizio online è stato verificato che non sono state cancellate quelle relative a contributi previdenziali, pur rientrando anche queste nell’ambito della norma. Può l’Inps impedire l’attuazione di una previsione di rango primario?
R.D. – Roma

Si ricorda, innanzitutto, che l’articolo 4 del decreto legge 23 ottobre 2018, n. 119, ha previsto che fossero automaticamente annullati i ruoli affidati agli agenti per la Riscossione nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2010 per un importo residuo di 1.000 euro. Per il perfezionamento dell’annullamento, non era richiesta alcuna manifestazione di volontà da parte del beneficiario; l’agente per la Riscossione ha avuto tempo fino al 31 dicembre 2018 per annullare, ma gli effetti...