Imposte

Nel «diretto» la salvaguardia è implicita

di Giuseppe Acciaro e Gianclaudio Fischetti

Il concordato preventivo deve essere orientato al miglior soddisfacimento dei creditori: la continuità aziendale o la liquidazione del patrimonio rappresentano solo degli strumenti per il perseguimento dell’obiettivo finale dell’istituto. Anche i correlati istituti del concordato con continuità aziendale e del concordato liquidatorio (classificazione appartenuta fino ad oggi esclusivamente alla dottrina ma che la riforma rende normativa) sono quindi strumenti diretti ad assicurare il miglior soddisfacimento...