L'esperto rispondeImposte

Nell’integrativa per la dichiarazione 2020 infedele la sanzione ai fini del ravvedimento è il 90%

di Rosanna Acierno

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

La domanda

In seguito a una dichiarazione infedele, devo presentare una dichiarazione integrativa per il periodo d’imposta 2020. Il ravvedimento delle maggiori imposte a saldo lo calcolerò sul 90% delle imposte.
Per il ravvedimento dei maggiori acconti 2021 devo considerare il 90% delle imposte o il 30%?
Avendo omesso il versamento degli acconti 2020 di novembre 2020, con la previsione che non fossero dovuti, per il ravvedimento di questi acconti devo considerare il 90% o il 30%?
D. L. – Matera

Nel caso prospettato, la sanzione minima da considerare ai fini del ravvedimento operoso è quella del 90 per cento. Come, infatti, ribadito dalla Corte di cassazione con la sentenza 483/2022, e dalla stessa agenzia delle Entrate con la circolare 42/E/2016, la sanzione da dichiarazione infedele che va dal 90% al 180% della maggiore imposta dovuta o della differenza del credito utilizzato, così come previsto dall’articolo 1 del decreto legislativo 471/1997 per la dichiarazione dei redditi e Irap e ...