Professione

Previdenza complementare con regole Ue

di Claudio Pinna

Con l’approvazione, avvenuta il 20 giugno, del Dgls di recepimento della direttiva europea 50 del 2014, si compie un ulteriore passo avanti verso lo sviluppo delle forme pensionistiche complementari destinate ai lavoratori che, per motivi professionali, si spostano tra Paesi dell'Unione europea.

Tre sono le modifiche che il governo, in linea con quanto richiesto dalla direttiva, ha introdotto nel Dlgs 252/2005 (la legge organica della previdenza privata in Italia). Alcuni aspetti non risultano del...