Esperto RispondeAdempimenti

Rivalutazione dei beni nel turismo, in caso di non affrancamento va compilato quadro RV

di Gianluca Dan

La domanda

Una società che opera nel settore turismo nell’anno 2020 ha effettuato la rivalutazione dei beni d’impresa, a norma dell’articolo 6-bis del decreto legge 23 del 2020. Ora sui maggiori valori iscritti in bilancio vi è un riconoscimento fiscale gratuito. Il saldo attivo di rivalutazione assume la natura di riserva in sospensione d’imposta; nel caso si volesse affrancare tale saldo, si versa un’imposta sostitutiva del 10%. In dichiarazione bisogna compilare la sezione XXV del quadro RQ. Nel rigo RQ110 al punto 1 si riporta l’importo del saldo attivo al punto 2 l’imposta sostitutiva. Nel caso non si voglia affrancare il saldo e, quindi, non versare l’imposta sostitutiva, il rigo deve essere compilato ugualmente, nonostante il mio programma mi fa compilare entrambi i campi, oppure in caso di mancanza di versamento non bisogna compilare il rigo? In questo caso l’importo totale della rivalutazione non deve essere indicato nel modello Redditi, o bisogna riportarlo in altra sezione dello stesso quadro RQ?
L.M. – Lecce

L’articolo 6-bis del decreto legge 23/2020 ha concesso la possibilità di rivalutare gratuitamente i beni e le partecipazioni delle imprese dei settori alberghiero e termale con la facoltà di affrancare, in tutto o in parte, il saldo attivo di rivalutazione con versamento di un’imposta sostitutiva del 10%. Nel modello dichiarativo delle società di capitali è stata prevista unicamente la Sezione XXV del quadro RQ composta da un unico rigo (rigo RQ110) ove indicare l’affrancamento del saldo attivo qualora...