Adempimenti

Sconto librerie più pesante sotto 300mila euro di fatturato

di Luca De Stefani

Via libera al credito d’imposta per le librerie al dettaglio, che consente di coprire in parte (o anche completamente) le spese sostenute per gli affitti dei locali, l’Imu, la Tasi, la Tari, l’imposta sulla pubblicità, la tassa per l’occupazione del suolo pubblico, i contributi Inps dei dipendenti e anche le spese per il mutuo (in questo caso, dovrebbero essere agevolati solo gli interessi e gli oneri di istruttoria).

È stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 7 giugno 2018 n. 130 il decreto ...