Imposte

Sì alla scrittura autenticata dopo il rogito

di Mario Cerofolini, Lorenzo Pegorin e Gian Paolo Ranocchi

In mancanza di specifico accordo nell’atto di trasferimento dell’immobile, la conservazione in capo al venditore delle detrazioni fiscali per interventi sugli immobili non ancora utilizzate può desumersi anche da una scrittura privata, autenticata dal notaio o da altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato, sottoscritta da entrambe le parti contraenti, nella quale si dia atto che l’accordo in tal senso esisteva sin dalla data del rogito.

È questa l’importante precisazione contenuta nella circolare ...