Professione

Stretta sui giochi: stop alla pubblicità

di Marco Mobili

La stretta sul gioco è uno dei vessilli del decreto lavoro, sventolati da Luigi Di Maio in faccia alle lobby. Con alcune contraddizione di fondo che non possono essere del tutto ignorate: ad esempio, da una parte si vieta la pubblicità del gioco e contemporaneamente aumentano le tasse sulle new slot e le Vlt (quindi si spera che si giochi di più e non di meno), per recuperare ulteriori risorse da destinare all’estensione al 2019 e 2020 della decontribuzione al 50% per le assunzioni di giovani under...