Controlli e liti

Terreni, per la destinazione «vale» solo il piano regolatore

di Laura Ambrosi

Per la destinazione di un’area è sufficiente verificare il piano regolatore a nulla rilevando eventuali provvedimenti necessari per l’attuazione.
A confermare questo rigoroso orientamento è la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 20817 depositata ieri.
L’agenzia delle Entrate notificava a una società un avviso di liquidazione per maggiori imposte di registro, ipotecaria e catastale per un atto di compravendita di un terreno.
In particolare, l’ufficio valutava l’area al valore venale e non in base...