Controlli e liti

Niente termine lungo con i Paesi «trasparenti»

di Giorgio Gavelli e Marco Piazza

Se per il passato si deve attendere che si esprima la Cassazione, per il futuro pare certo che si apriranno nuovi fronti. La Corte Ue ha sancito – nelle cause riunite C-155/08 e C-157/08 – che non vi è violazione degli articoli 56 e 63 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (libera circolazione dei servizi e dei capitali) qualora uno Stato membro applichi un termine di rettifica fiscale più lungo dell’ordinario qualora beni detenuti in un altro Stato membro e i relativi redditi siano...