Controlli e liti

Beneficiario effettivo, non basta il certificato del paese Ue

di Giancarlo Tattoli

Il certificato dello Stato Ue che riconosce lo status di beneficiario effettivo, in base alla direttiva 2003/49 _recepita con il Dlgs 143/2005 che ha introdotto l’articolo 26-quater del Dpr 600/73 che esenta da ritenuta alla fonte gli interessi corrisposti ove il beneficiario sia un’impresa consociata sita in altro Stato membro - non costituisce «prova legale» e deve essere valutato nell’ambito del contesto nel quale opera la società beneficiaria degli interessi secondo il diritto civile, con riferimento...