Imposte

Se c’è il magazzino «salva» la detrazione Iva

di Enrico Holzmiller

Nell’ambito delle fatture soggettivamente inesistenti , la prova dell’esistenza di un magazzino in capo al proprio fornitore può essere considerato elemento essenziale atto a dimostrare l ’inconsapevolezza , da parte del cliente , dell’esistenza di una frode “a monte”, garantendo in capo a quest’ultimo la legittima detrazione dell’Iva sugli acquisti. L’utilizzo di un magazzino da parte del fornitore, infatti, agli occhi del soggetto “a valle”, può portare alla convinzione della sussistenza...