Imposte

Obbligo di fatturazione sul committente per riscuotere il credito del professionista defunto

di Angelo Busani

Link utili NT

Tratto da Plusplus24 e Smart24
(AdobeStock)

In breve

Se il professionista ha chiuso la partita Iva prima del decesso, gli eredi sono impossibilitati a compiere gli adempimenti relativi all’obbligo di fatturazione nel momento in cui percepiscono il pagamento. Allora, se il committente o il cedente sia un soggetto passivo Iva, non potendo gli eredi riaprire la partita Iva del defunto, l’obbligo di fatturazione deve essere assolto dal committente.

Se un professionista è defunto avendo già chiuso la partita Iva e i suoi eredi si trovano a riscuotere un credito maturato dal defunto nell’esercizio della sua attività professionale:
•l’obbligo di fatturazione relativo alla predetta operazione da assoggettare a Iva dovrà essere assolto dal committente (in base all’articolo 6, comma 8, del Dlgs 471/1997);
•i compensi per le prestazioni effettuate dal defunto e percepiti dagli eredi sono redditi di lavoro autonomo tassati secondo il principio di cassa...