Controlli e liti

Pace fiscale, se la Cassazione rinvia si paga l’intera imposta

di Laura Ambrosi e Antonio Iorio

In breve

A seguito avviso di accertamento delle Entrate relativo agli anni 2003 e 2004 ricevuto da una srl nel settore della vendita auto viene recuperata l’Iva sugli acquisti di auto destinate alle vendite. Gli acquisti in contestazione sono avvenuti tramite due fornitori. Sia la Commissione tributaria di 1° grado che di 2° grado hanno accolto parzialmente i ricorsi, ritenendo regolari gli acquisti da un fornitore, mentre ha ritenuto irregolari quelli presso l’altro recuperando parzialmente l’Iva. Il 5 ottobre 2018 la Cassazione ha respinto il ricorso della srl e ha rinviato il tutto alla Ctr. Ai sensi dell’articolo 6 del Dl 119/2018 è possibile definire la controversia facendo riferimento alla sentenza della Ctr?

Le attuali disposizioni suscitano qualche perplessità sulle somme da versare per la definizione delle liti nelle ipotesi di rinvio alla Ctr da parte della Cassazione. Vediamo in dettaglio le possibili soluzioni al quesito del lettore.
Il rinvio dalla Cassazione. La norma non prevede come calcolare le somme dovute nell’ipotesi di rinvio della decisione da parte della Cassazione. L’art. 2, infatti, deroga il pagamento del 100% delle imposte dovute ovvero del 40% delle sanzioni, solo nell’ipotesi in...