L'esperto rispondeImposte

Il forfettario non dichiara tra i compensi le spese anticipate per conto del cliente

di Paolo Meneghetti

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

La domanda

Nel caso di un contribuente forfettario, si ritiene che i compensi certificati da certificazione unica con codice 24 vanno dichiarati come compenso, mentre le somme certificate con codice 22 non vanno dichiarate nel quadro LM, in quanto si tratta di spese anticipate (ad esempio, bolli, spese postali, ecc.). È corretto oppure nel quadro LM va indicata la somma di quanto certificato con codice 22 più codice 24?
G. S. – Milano

A parere di chi scrive, l'imponibilità o meno delle somme erogate al contribuente forfettario non deriva in modo diciamo così “meccanico ed automatico” dal codice utilizzato nella certificazione unica, ma dalla natura giuridica delle somme. Questo è l’elemento fondamentale nel senso che il codice utilizzato nella certificazione altro non è se non la conseguenza di una diversa natura giuridica delle somme corrisposte. Il soggetto forfettario sottopone a tassazione, tra i vari componenti positivi di...