Professione

La categoria dice no all’equiparazione sulla crisi di impresa

di Giuseppe Latour

La polemica va avanti. Le parole di giovedì del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede in risposta a un’interrogazione parlamentare in Senato non hanno avuto effetto sedativo. Anzi, hanno fatto esplodere una consapevolezza nella categoria dei commercialisti: l’estensione, con il nuovo Codice della crisi di impresa, delle funzioni di curatore, commissario giudiziale e liquidatore ai consulenti del lavoro genera una lunga serie di dubbi.

Tanto che, nelle ultime ore, tutte le sigle della categoria...