Imposte

La fase di start up giustifica costi extra oltre i due anni

di Francesco Avella

La fase di start up di una società in fase di penetrazione o espansione in un particolare mercato può avere durata variabile e superiore a due anni. L’amministrazione finanziaria non può apoditticamente limitarla a due anni nelle sue valutazioni in materia di transfer pricing. È quanto affermato dalla Ctr Lombardia 1370/7/2017 del 28 marzo scorso (presidente Labruna, relatore Calà), che rigetta la ripresa a tassazione dei costi sostenuti da una controllata italiana di un gruppo multinazionale, sostenuti...